Articoli

Aprire un locale o riposizionarne uno? Analisi dei pro e dei contro


Qual è la scelta migliore? Meglio un locale nuovo o un riposizionamento? Valuta i pro e i contro e decidi con l’analisi di fattibilità.
Ristoratore, quale strada sceglieresti per dar vita alla tua idea di business e sviluppare la tua attività? Sono due, di fatto, le opzioni. Da una parte puoi pensare all’apertura di un nuovo locale e alla creazione di un format; dall’altra, invece, puoi pensare di rilevare un’attività già avviata e che semplicemente è da continuare o riposizionare. Che tu abbia la possibilità di creare un format davvero o di rilevare un’attività che sia già avviata il consiglio è quello di fare una pianificazione molto precisa, partendo dall’analisi di fattibilità. Questo per raggiungere il più possibile e il più velocemente possibile il successo del tuo locale.  

Ascolta il podcast

Tutto parte da un’idea

L’apertura di un nuovo locale implica innanzitutto la formulazione di un’idea imprenditoriale, il più possibile innovativa e sostenibile. Per essere sviluppata, questa idea imprenditoriale deve passare da 5 fasi fondamentali:
  1. Anticipazione: durante questa fase l’idea viene strutturata e studiata. Bisogna leggere bene il contesto in cui si andrà a operare, identificare le regole di mercato.
  2. Sviluppo progettuale: si vanno a determinare le risorse da investire e le operazioni strategiche da mettere in atto.
  3. Concretizzazione: messa a punto del prodotto e dei servizi, dell’operatività e della gestione.
  4. Monitoraggio.
  5. Adattamento alle esigenze di mercato.
Reiterando gli ultimi due passaggi nel tempo potrai massimizzare la capacità della tua impresa di generare e distribuire valore.

Aprire un locale: i pro e i contro

Uno dei grandi vantaggi nell’aprire un locale nuovo risiede nella massima personalizzazione del format con la scelta della location, la creazione dell’offerta, la selezione dei fornitori e del colore degli elementi della mise en place. Insomma, tutto questo è e sarà di fatto a tua discrezione. Potrai costruire il tuo brand, la tua immagine e la tua comunicazione, il tuo modello di business per far sì che proprio tu sia sempre al top delle performance. La libertà certamente ha sempre il suo fascino, tuttavia, quando si tratta di libertà imprenditoriale, non si può non tenere conto del rischio che questa comporta. Essendo un imprenditore, il rischio di proporre qualcosa che non funziona è reale. Potresti poi dover fronteggiare una serie di difficoltà impreviste, con un conseguente investimento imprevisto di risorse economiche. Il mondo della ristorazione è certamente dinamico e ricco di opportunità, ma anche soggetto a difficoltà. Pertanto, è importante pianificare per tempo e avere tutti i “dispositivi di sicurezza”. L’analisi di fattibilità in questo senso è lo strumento più interessante che tu possa usare, sia che tu voglia aprire un ristorante oppure aprire un bar. Ne parliamo spessissimo nei progetti di consulenza in GpStudios. E se scorri l’indice del libro di Giacomo Pini, “Risto Boom. Crea il successo del tuo locale”, troverai un intero capitolo dedicato proprio all’analisi di fattibilità.

E se invece volessi riposizionare un locale già avviato?

Se invece volessi valutare l’idea di riposizionare un’attività già avviata, accertati di avere a che fare con un’azienda che potenzialmente nel tempo si è costruita una clientela fidelizzata e anche una buona reputazione. Per far sì che il passaggio dalla vecchia alla nuova gestione sia fluido, bisogna prestare attenzione a tutta una serie di elementi. Intanto valutare l’offerta, e ancor più la tipologia di clienti target. Se questi elementi non sono in linea con quello che è la tua idea di ristorazione e il tuo target ideale, potrebbe nascere uno scollamento, ed evidentemente anche un investimento di energie e risorse importante per smantellare quello che c’era prima e ricostruire tutto da zero. In questo caso si direbbe: ma che operazione è? Dov’è il vantaggio? Questo non significa che non si possono apportare delle modifiche a un locale esistente già avviato. È opportuno, però, stilare un piano di azione e valutare l’investimento che ognuna delle attività di ammodernamento e riposizionamento può comportare. L’analisi di fattibilità torna ancora una volta utile, in quanto ti dice proprio questo: se il gioco vale la candela. Dopo avere valutato l’offerta è importante ispezionare la struttura. In quale contesto è geolocalizzata l’attività? In una recente richiesta di consulenza ci è capitato di dover valutare se avesse senso per un cliente spostare il locale di qualche centinaio di metri per ampliare lo spazio a disposizione. Dopo i vari calcoli e l’analisi di tutti gli elementi, è risultato che l’operazione sarebbe stata troppo dispendiosa rispetto ad avere oggi un locale più piccolo e che comunque margina bene. Poniti, dunque, sempre un paio di domande anche in merito a questo punto. C’è il parcheggio? Un centro commerciale nelle vicinanze, una scuola, degli uffici? Quanto distano le vie principali? Quanto sono ampi gli spazi? Riposizionare un locale già esistente invece di aprire un’attività da zero è una soluzione che ti può dare tanti vantaggi soprattutto se vuoi avere un locale tagliato su misura delle tue idee ma risparmiare al contempo tutti quegli investimenti iniziali di tempo e risorse legate all’avviamento dell’attività.

Ascolta il podcast

La soluzione più adatta a te

In conclusione, qual è la scelta migliore? Meglio un locale nuovo o un riposizionamento? Dipende! Non c’è una regola in assoluto: dipende da tutta una serie di fattori. La soluzione vincente è quella che tu crei tu stesso, rispettando la tua business idea, prendendo le tue decisioni con la consapevolezza che stai per affrontare una sfida, che deve essere presa con il giusto approccio e il giusto atteggiamento. Come? Utilizzando il mix degli strumenti citati qui sopra, dall’analisi di fattibilità al piano di azione e al business plan: così potrai orientare al meglio la tua decisione rispetto alla creazione di un format o al riposizionamento di uno già aperto. Tieni a mente questi quattro parametri, che sono dei veri e propri punti cardinali per la tua scelta:
  • le risorse, sia finanziarie che umane, da mettere in gioco;
  • la location;
  • l’analisi dei punti di forza;
  • la valutazione dei rischi.
Qualunque sia la tua decisione, troverai tutte le indicazioni per sviluppare il tuo progetto imprenditoriale e portare al successo il tuo locale nel manuale di oltre 250 pagine “Risto Boom. Crea il successo del tuo locale”. Un libro fondamentale per chi vuole vivere il mondo della ristorazione con successo.

Iscriviti  alla
Newsletter

Ti basta inserire la tua email!


Ricevi periodicamente risorse gratuite, articoli di approfondimento, guide pratiche in e-book e il reminder per i nostri talk bimestrali, in cui intervistiamo esperti del settore e trattiamo tematiche per la crescita del tuo business!

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Certificazioni